Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2016

Un nuovo malware si annida nei dispositivi USB

Individuato da ESET, USB Thief è in grado di attaccare i sistemi offline e, per le sue caratteristiche, è estremamente difficile da rilevare. I ricercatori di ESET hanno scoperto un nuovo malware: Win32/PSW.Stealer.NAI. Si nasconde esclusivamente nei dispositivi USB, senza lasciare tracce sul computer infettato. Soprannominato USB Thief, questo malware rappresenta un'insolita minaccia per diversi motivi.

Annidandosi sul singolo dispositivo USB, questo malware è in grado di attaccare anche i sistemi isolati da Internet, senza lasciare alcuna traccia e rendendosi quasi invisibile alle vittime che, infatti, non si accorgono del furto dei dati.

Acqua: un brevetto per ridurre consumi, energia e costi della depurazione

Dalla ricerca dell'ENEA sul trattamento delle acque di scarico, importanti risparmi sui consumi energetici totali, minori costi di gestione e maggiore efficienza dei processi depurativi per impianti di depurazione medio-piccoli (l'80 % degli impianti). E nuove tecnologie per trasformare l'impianto di depurazione in un sistema di produzione di energia.L'ENEA presenta un innovativo sistema per la gestione automatizzata degli impianti di depurazione delle acque reflue, che consenterisparmi del 36 %sui consumi energetici totali, e del 15 % sui costi di gestione, oltre a garantire una maggiore efficienza dei processi biologici di rimozione degli inquinanti.

Prima di essere scaricate nei corpi idrici recettori, le acque reflue devono essere depurate, perché spesso contengono concentrazioni molto elevate di inquinanti, come ammoniaca, azoto e fosforo. Il sistema brevettato dall'ENEA, attraverso l'utilizzo di sonde, consente un controllo automatizzato di completa rimoz…

Un'ondata di email infette colpisce l'Italia

ESET ha registrato un gran numero di email infette, causate da Nemucod. In Italia è responsabile del 42 % di tutte le infezioni rilevate. I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno registrato un aumento del numero delle email infette, causate dal trojan Nemucod. In Italia, durante lo scorso 11 marzo, ha raggiunto il picco di infezioni del 42 %.

È stato rilevato con il nome di JS /TrojanDownloader.Nemucod. Questo malware si diffonde attraverso email scritte in modo molto affidabile, che appaiono come fatture, atti giudiziari o altri documenti ufficiali. Le email contengono un allegato zip malevolo con un file JavaScript che, se aperto, scarica e installa il malware sul dispositivo delle vittime.

I paradossi climatici nell'Italia del futuro

I bambini che nascono oggi, e quelli che nasceranno domani, vivranno in un'Italia diversa. Riusciremo a impegnarci abbastanza per evitare le conseguenze peggiori?Meno pioggia, ma precipitazioni violente e concentrate in alcuni periodi dell'anno. Siccità estive sempre più marcate su Alpi e Pianura padana, dove le magre prolungate del Po potrebbero mettere in ginocchio agricoltura e zootecnia. Aumento dei periodi aridi in Calabria e Sardegna. Generale incremento della temperatura media nel corso del ventunesimo secolo, fino a 6 °C nello scenario peggiore.

Questo, in sintesi, il quadro che segnala il WWF, e dipinto dal gruppo di lavoro coordinato da Paola Mercogliano del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC). I futuri 60-70enni nati oggi dovranno fare i conti con un'Italia in cui non ci saranno più le "mezze stagioni", e non per modo di dire.

ENEA e ACEA sperimentano un software per gestire i rischi da eventi meteo estremi

Il clima è sempre più caratterizzato da eventi meteorologici intensi ed estremi, che spesso provocano danni e disagi. Il software CIPCast è pensato proprio per renderci più pronti ad affrontarli.ENEA e ACEA stanno sperimentando un software innovativo, che consente di elaborare e fornire previsioni di rischio per le infrastrutture energetiche e idriche in caso di eventi meteo particolarmente intensi, come nubifragi, alluvioni e frane.

Il software si chiama CIPCast: è stato sviluppato dal Laboratorio Analisi e Protezione delle Infrastrutture Critiche dell'ENEA, e testato nella control roomdi ACEA a Roma. Ne sono state sviluppate due versioni: una per calcolare l'impatto delle precipitazioni sulle reti di distribuzione dell'energia elettrica, e una per gestire gli eventi legati al Giubileo in ogni singola area della Capitale.

"Marsafenet" per la protezione dei nostri mari

La settimana scorsa, il CNR ha presentato i risultati del progetto europeo "Marsafenet: Network of experts on the legal aspects of Maritime Safety and security", coordinato dall'ISGI-CNR. Il progetto delinea gli aspetti giuridici legati alla conservazione degli ecosistemi marini, sicurezza delle coste e flussi migratori.Ambiente e cambiamenti climatici, immigrazione e pirateria, sono le problematiche poste al centro della Coast Action IS1105 "Marsafenet", sugli aspetti giuridici della sicurezza marittima. È coordinata dall'Istituto di Studi Giuridici Internazionali del CNR (ISGI-CNR), che ha coinvolto per quattro anni, dal 2012 al 2016, più di 80 esperti di diritto internazionale del mare.

"Le implicazioni del cambiamento climatico sono ormai note, ma le risposte sul piano giuridico internazionale tardano ancora ad arrivare", dichiara Gemma Andreone, dell'ISGI-CNR e coordinatrice del progetto. "Si pensi al rischio, ormai nemmeno troppo rem…

Pesce contro Cina: chi vincerà?

Da una parte c'è l'insaziabile fame di pesce della Cina. Dall'altra, gli oceani del pianeta che si stanno svuotando. Forse c'è un modo per far vincere entrambi. La Cina è affamata di pesce. Con il miglioramento della qualità della vita nel paese, la richiesta è aumentata vertiginosamente. I cittadini cinesi consumano una quantità di pesce dieci volte superiore a quella di tutte le altre nazioni messe insieme. E la domanda continua ad aumentare.

Ma la Cina è anche il più grande produttore mondiale di pesce. Al momento, qualcosa come 700mila pescherecci cinesi pattugliano le acque del globo terrestre, trascinando enormi gabbie lungo il fondo oceanico, e trainando reti grandi come campi da calcio.

E il premio per i malware va a...

I ricercatori di ESET hanno eletto i Razzie dei malware: BlackEnergy vince come peggior minaccia dell'anno, Android/Clicker si aggiudica il premio per i peggiori costumi, Corkow quello per la regia e la scenografia. Una settimana fa si è svolta l'88esima edizione degli Oscar che, con buona pace di tutti, ha visto finalmente trionfare Leonardo Di Caprio come miglior attore protagonista. Questa sfavillante cerimonia è stata preceduta dai Razzie Awards, i premi dedicate alle peggiori pellicole dell'anno (in cui "50 sfumature di grigio" ha fatto man bassa di premi).

Proprio come il pubblico ha sopportato questi pessimi film, gli uenti di Internet hanno dovuto sopportare le conseguenze del lavoro malevolo svolto dagli autori di alcuni malware. Perciò, i ricercatori di ESET hanno esaminato i codici pericolosi che hanno peggiorato la vita delle loro vittime, e hanno eletto i Razzie dei malware.

C'è un duomo nel Golfo di Napoli

È stato scoperto un rigonfiamento del fondo del mare con emissioni gassose, nel Golfo di Napoli. La scoperta è avvenuta durante una campagna oceanografica coordinata da CNR, INGV, e Università di Firenze. In futuro, potrebbe diventare un vulcano sottomarino. Un duomo (rigonfiamento) sul fondo marino, con associate emissioni gassose: è stato localizzato, per la prima volta, nel Golfo di Napoli, ad una distanza di circa 5 km dal porto di Napoli e 2.5 km da Posillipo. È accaduto durante i rilievi della campagna "Safe 2014" (Seafloor Acoustic detection of Fluid Emissions), a bordo della nave oceanografica "Urania" del CNR.

Ad individuarlo è stato un team di ricercatori dell'Istituto per l'Ambiente Marino Costiero (IAMC) e dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse (IGG) del CNR, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), e del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze. I risultati sono stati pubblicati su "Sc…