Passa ai contenuti principali

La grande siccità della California

Una siccità senza precedenti. Oggi, la California ha raggiunto il picco massimo di siccità dal 1895, quando si iniziò a tenere traccia del tempo atmosferico. Il Golden State potrebbe trasformarsi completamente. Nell'ipotesi peggiore, potrebbe perdere la sua rigogliosa agricoltura e le sue imponenti foreste.

Yosemite National Park, California
Immagine di pubblico dominio: Chensiyuan
La pioggia californiana deriva dal grande ammasso equatoriale di acqua calda che si forma al largo delle coste del Sud America. Il calore dell'acqua alimenta le tempeste, che sollevano l'umidità nell'atmosfera, dove i venti la raccolgono e la trasportano in Nord America. Ma, negli ultimi anni, sembra che in quella massa d'acqua calda del Pacifico occidentale ci sia qualcosa che sta inceppando i meccanismi meteorologici.

Forse la causa è associata alla minore differenza di temperatura tra equatore e poli. Sta di fatto che una "cresta" di alta pressione si è fermata sul Pacifico orientale, proprio lungo il percorso dei venti, e sta deviando il flusso verso nord. Quella che avrebbe dovuto essere pioggia californiana è caduta in enormi quantità sull'Alaska e sul Canada nord-occidentale. Quanto durerà questa situazione nessuno sa dirlo.

Le prime vittime sono gli alberi
Intanto, gli alberi stanno morendo. Alcuni per cavitazione: il percorso d'acqua si interrompe, bolle d'aria entrano nei capillari, e l'esito è fatale. Altri, durante i periodi aridi, chiudono i pori delle foglie per trattenere l'acqua, ma in questo modo non possono liberarsi dell'anidride carbonica. In genere, l'umidità ritorna e gli alberi riaprono i pori prima di morire asfissiati, ma questa siccità è stata così lunga, che per molti alberi il dilemma fatale è trattenere l'acqua o respirare.

E poi ci sono i coleotteri, attratti dagli alberi provati dalla siccità, che stanno devastando enormi pinete. Se continuerà a lungo, la mancanza d'acqua potrebbe far deperire le maestose foreste della California e distruggere le sequoie giganti. Compreso il Generale Sherman che, con i suoi 83,8 metri di altezza e 36,5 metri di diametro alla base, è la sequoia più grande del mondo, per volume.

Sequoia National Park, California
Immagine di pubblico dominio: John Fowler
Una morìa massiccia sarebbe una perdita enorme per la California, ma rappresenterebbe un evento gravissimo per tutto il pianeta. In primo luogo, per l'enorme quantità di tonnellate di anidride carbonica rilasciata in atmosfera. In secondo luogo, perché la foresta verrebbe sostituita da un'altra molto più giovane, che potrebbe assorbire una quantità molto inferiore di CO₂.

Non c'è acqua neanche per gli agricoltori
Il delta del fiume Sacramento-San Joaquin è il più grande estuario della West Coast, ed è il più importante punto di smistamento di acque superficiali trattate della California. Metà circa di queste acque resta nei torrenti, nei fiumi e nel delta, per preservare le paludi e l'habitat dei pesci, e per impedire che l'acqua marina risalga il delta.

L'alta metà va alla popolazione: il 20% alle città e l'80 % agli agricoltori. In teoria. Negli ultimi anni, le acque superficiali erano così scarse che alla maggior parte degli agricoltori non ne è arrivata per niente. Infatti, finché la California avrà almeno una goccia d'acqua, questa defluirà verso le ricche città costiere.

Ma, mentre le acque superficiali sono gestite in modo capillare, in questo Stato non c'è nessuna regolamentazione per lo sfruttamento delle acque sotterranee. La California è l'unico Stato in cui è possibile attingere dalle falde sotterranee quanta acqua si vuole, a patto che non la si sprechi o la si rivenda.

Central Valley, California
Immagine di pubblico dominio: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/b/ba/Californiacentralvalley.jpg
E l'attuale siccità ha scatenato una sorta di caccia all'oro: ogni contadino si precipita a trivellare più in profondità del proprio vicino. Ed ecco che i livelli delle falde sotterranee hanno raggiunto i minimi storici. Alcuni pozzi arrivano anche a 450 metri di profondità, raggiungendo un'acqua che spesso è contaminata da arsenico, cromo, sale e altri componenti, perché è rimasta a contatto con i substrati geologici per migliaia di anni.

Inoltre, trivellare così in profondità è molto costoso. I coltivatori che riescono a trovare un trivellatore per eseguire il lavoro (le liste di attesa possono essere di anni), spendono anche mezzo milione di dollari, senza contare i costi del pompaggio.

Falde sotterranee allo stremo
La Central Valley è essenzialmente un'enorme depressione composta da argilla a strati, ghiaia, limo e sabbia. L'acqua viaggia attraverso gli strati di ghiaia e sabbia, ma l'umidità si conserva soprattutto negli strati di argilla. E questo fatto rende la corsa al pompaggio ancora più preoccupante: quando si estrae troppa acqua dal terreno troppo velocemente, lo strato di argilla collassa.

E, centinaia di metri più in alto, collassa anche il terreno superficiale. Se dovesse accadere questo, l'argilla sotterranea non potrà mai più immagazzinare acqua. In pratica, la corsa all'acqua degli agricoltori sta letteralmente distruggendo le falde. L'unica speranza è ripristinarle il prima possibile.

La California potrà aspettarsi qualche anno piovoso, nel prossimo futuro, ma il terreno è così secco che serviranno anni per idratarlo in modo adeguato, e molto più tempo per ripristinare la falda. Se questo clima dovesse continuare, le foreste montane sono destinate a soccombere. E subito dopo verranno le fattorie e i frutteti che, nell'ultimo secolo, sono stati l'emblema della California.

Commenti

I post più letti dell'ultimo mese

10 libri sulla scienza da leggere almeno una volta nella vita

Di libri da leggere almeno una volta nella vita, ce ne sarebbero centinaia. Libri, come L'origine delle specie di Charles Darwin, sono delle pietre miliari per la scienza e per la letteratura. Ma non lo troverete, in questo elenco. Invece, i 10 libri che ho scelto sono meno noti. Ma mi hanno fatto amare la scienza e hanno cambiato il mio modo di pensare e di guardare il mondo.

1. Il mago dei numeri di Hans Magnus Enzensberger.
Dodici notti. Dodici sogni, in cui Roberto incontrerà il Mago dei numeri. Roberto non sopporta la matematica. Ma i suoi viaggi notturni in compagnia del mago gli faranno cambiare idea. È vero, si tratta di un libro per ragazzi, ma lo trovo divertente da rileggere anche adesso. Ed è perfetto da far leggere nelle scuole: tutti gli studenti vorranno essere come il protagonista, e diventare apprendisti dei numeri.

2. Morti di scienza di Pierre Zweiacker.
Ecco un punto di vista insolito sulla storia della scienza: inventori e scienziati geniali che sono stati coi…

7 soluzioni alla crisi idrica che non credevate possibili

La scarsità d'acqua, la sua mancata potabilizzazione e l'assenza di servizi igienici adeguati causano ogni anno più vittime di tutte le guerre. Ogni 20 secondi, in media, muore un bambino a causa di malattie dovute a questi problemi.

Entro il 2025, la sola agricoltura richiederà l'equivalente d'acqua di 20 fiumi della portata del Nilo. E nei paesi con popolazione molto numerosa, come India e Cina, le forniture d'acqua dolce finiranno anche prima.


Nei paesi in via di sviluppo, il 90 % delle acque di scarico vengono riversate direttamente nei fiumisenza alcun trattamento. E pensate che 1 litro di acqua di scarico inquina circa 8 litri di acqua dolce.

Se a tutto questo aggiungete i cambiamenti climatici in atto, l'aumento della popolazione del pianeta, e il fatto che 2 miliardidi persone già vivono in assoluta scarsità d'acqua, è evidente che le nostre riserve si esauriranno in fretta.

Le tecnologie qui sotto potrebbero aiutare a salvarci. Alcune sanno di fanta…

Ciro e Antonio: dinosauri italiani

Ciro e Antonio sonofossili di dinosauro famosi nel mondo, ma praticamente sconosciuti nel nostro Paese. Ve li voglio presentare.
Ciro è stato il primo dinosauro in assoluto ad essere scoperto in Italia, a Pietraroja (Benevento) nel 1980. Lo scopritore, Giovanni Todesco, era un appassionato di fossili che scambiò il piccolo dinosauro per una semplice lucertola e per questo motivo conservò l'esemplare in casa sua per anni. Nel 1993, dopo aver visto il film "Jurassic Park", decise di mostrare il fossile al paleontologo Giorgio Teruzzi, che lo riconobbe per quello che era: un piccolo di dinosauro.


(la foto è di proprietà di Scienza in Rete)
Nel 1998 venne riconosciuto come uno dei fossili più importanti nella storia della paleontologia. Il fossile, infatti, è fra i più completi che esistano ed è il primo a presentare organi interni e tessuti molli in uno straordinario stato di conservazione.

Il suolo è una risorsa non rinnovabile

L'Ibimet-Cnr ha pubblicato l'e-book "Il consumo di suolo: strumenti per un dialogo", che raccoglie gli atti del convegno organizzato dal Cnr per discutere delle problematiche delineate nel rapporto Ispra, e del disegno di legge sull'uso del suolo in discussione alla Camera.Il suolo è una risorsa non rinnovabile, che in Italia va perduta al ritmo di 7 metri quadri al secondo. E che deve essere tutelata con provvedimenti urgenti ed efficaci, come il disegno di legge sul consumo di suolo in discussione in Parlamento.

Questo è il messaggio al centro dell'e-book "Il consumo di suolo: strumenti per un dialogo",pubblicato dall'Istituto di Biometeorologia del Cnr (Ibimet-Cnr). Il libro raccoglie i contributi degli esperti e dei portavoce della società civile intervenuti all'omonimo convegno organizzato dal Cnr all'EXPO di Milano, per discutere le criticità del nostro territorio e formulare proposte condivise rivolte ai decisori politici.

Scarichi film dai torrent? Attenzione, potresti cadere vittima di Sathurbot

Secondo i ricercatori di ESET, il trojan Sathurbot utilizza siti WordPress compromessi per diffondersi. La botnet conterrebbe almeno 20mila Pc.ESET ha individuato nuovi attacchi associati al trojanSathurbot, che per diffondersi sfruttano un gran numero di siti compromessi, la maggior parte dei quali gestiti con WordPress, trasformandoli in veri centri di distribuzione del trojan.

Secondo ESET, la backdoor è attiva da giugno 2016, e utilizza collegamenti a file Torrent, che consentono apparentemente il download di film molto popolari. Le vittime cadono nel raggiro con estrema facilità, soprattutto grazie al fatto che molti dei siti compromessi hanno un buon ranking sui motori di ricerca e quindi appaiono nei primi posti delle ricerche online.

L'utente, ignaro del pericolo, scarica il file con un'estensione video, insieme ad un eseguibile e un file di testo di accompagnamento, che spiega come sia necessario installare un codec (l'eseguibile allegato) per poter guardare il f…