Passa ai contenuti principali

Shale gas: nuova fonte energetica o pericolo per l'ambiente?

Il gas estratto dagli shale può sostituire petrolio e carbone per la produzione di energia, riducendo l'impatto ambientale dei combustibili fossili, ma questa fonte non sembra essere esente da inquinamento.

Impianto di estrazione di shale gas lungo gli Appalachi, negli Stati Uniti orientali
Immagine di pubblico dominio: https://www.flickr.com/photos/nicholas_t/
Lo sviluppo e lo sfruttamento dello shale gas stanno rivoluzionando le prospettive di lungo termine della disponibilità di risorse di petrolio e gas. Abbondante e relativamente poco costoso da produrre, questa fonte rappresenta un punto di svolta nel mercato energetico: una nuova e importante fonte di energia fossile.

Tuttavia, la rapida espansione di shale gas, che ha visto come protagonisti principali Stati Uniti e Canada, si è verificata senza un'adeguata campagna di investimenti nella ricerca delle possibili conseguenze su ambiente e salute pubblica.

Partiamo dall'inizio: cosa sono gli shale? Si tratta di giacimenti di tipo diverso rispetto a quelli tradizionali. Sono rocce argillose a bassissima permeabilità, da cui era impossibile, fino a poco tempo fa, estrarre gli idrocarburi intrappolati. Le nuove tecnologie hanno cambiato tutto.

Dal 2008 al 2013, la produzione di gas da shale è più che quintuplicata, e oggi rappresenta circa il 25 % del totale di idrocarburi estratti negli Stati Uniti. Se si dovesse continuare con questa velocità di produzione, nel 2035 gli shale gas costituiranno più del 50 % della produzione da idrocarburi.

Le metodologie di sfruttamento dei giacimenti di shale gas sono altamente invasive. Fin da subito, hanno generato timori di gravi effetti ambientali nelle popolazioni vicine ai siti di estrazione, come innesco di terremoti, inquinamento delle falde acquifere, emissione in atmosfera di gas inquinanti.

Innesco di terremoti
Innanzitutto, i processi tecnologici di fratturazione idraulica e di re-iniezione delle acque residue, che caratterizzano lo sfruttamento di shale gas, possono indurre una moderata ma intensa attività sismica o riattivare faglie circostanti, generando anche terremoti di elevata magnitudo.

In alcuni casi, per esempio intorno i campi di Eola, in Oklahoma, e di Blackpool, nel Regno Unito, sono avvenute scosse di magnitudo intorno a 3. Poiché si tratta di zone che, in passato, erano esenti da attività sismica avvertita dalla popolazione, le scosse sono chiaramente correlate al processo di sfruttamento dello shale gas.

Inquinamento idrico
Inoltre, nel processo di fratturazione possono essere create nuove fratture, che permettono il collegamento della zona produttiva con le falde acquifere circostanti, inquinandole con metalli pesanti e particelle radioattive usate come traccianti.

Un altro problema è costituito dalle acque di processo. Circa il 25-50 % dell'acqua usata nella fratturazione idraulica è riportata in superficie. Tipicamente, quest'acqua contiene quantità variabili di idrocarburi ed inquinanti chimici. Anche se una parte è riutilizzata per fasi successive di fratturazione, si pone il gravoso problema del trattamento della parte che resta.

Ad ogni modo, la maggior parte dei casi di inquinamento di falde acquifere superficiali potabili, che sono stati segnalati di frequente dai mezzi di comunicazione, in genere hanno scarso supporto scientifico.

Uno dei casi meglio documentati è uno studio fatto da ricercatori della Stanford University, che hanno rilevato la presenza di metano in 141 pozzi per acqua potabile in una zona della Pennsylvania in cui c'è un'intensa attività estrattiva. Ma la correlazione con l'estrazione di shale gas è ancora controversa.

Inquinamento atmosferico e impatto sul territorio
Un altro aspetto di forte interesse è il possibile inquinamento atmosferico, dovuto a incidenti industriali o corrosione e rottura dei rivestimenti dei pozzi, che possono determinare fughe di inquinanti di vario genere, ma soprattutto metano. A incidere sull'inquinamento atmosferico è anche la concentrazione di gasolio liberato da generatori e macchinari di vario genere, e dai mezzi di trasporto al lavoro sul sito di shale gas.

Nella valutazione degli effetti che derivano dallo sfruttamento di shale gas, andranno anche considerati il possibile impatto sul territorio, e le ricadute su salute e benessere delle comunità locali. Infatti, il grande numero di pozzi e le infrastrutture necessarie portano ad un notevole impatto sullo sfruttamento del territorio e dell'ecosistema circostante.

Commenti

I post più letti dell'ultimo mese

10 libri sulla scienza da leggere almeno una volta nella vita

Di libri da leggere almeno una volta nella vita, ce ne sarebbero centinaia. Libri, come L'origine delle specie di Charles Darwin, sono delle pietre miliari per la scienza e per la letteratura. Ma non lo troverete, in questo elenco. Invece, i 10 libri che ho scelto sono meno noti. Ma mi hanno fatto amare la scienza e hanno cambiato il mio modo di pensare e di guardare il mondo.

1. Il mago dei numeri di Hans Magnus Enzensberger.
Dodici notti. Dodici sogni, in cui Roberto incontrerà il Mago dei numeri. Roberto non sopporta la matematica. Ma i suoi viaggi notturni in compagnia del mago gli faranno cambiare idea. È vero, si tratta di un libro per ragazzi, ma lo trovo divertente da rileggere anche adesso. Ed è perfetto da far leggere nelle scuole: tutti gli studenti vorranno essere come il protagonista, e diventare apprendisti dei numeri.

2. Morti di scienza di Pierre Zweiacker.
Ecco un punto di vista insolito sulla storia della scienza: inventori e scienziati geniali che sono stati coi…

Scarichi film dai torrent? Attenzione, potresti cadere vittima di Sathurbot

Secondo i ricercatori di ESET, il trojan Sathurbot utilizza siti WordPress compromessi per diffondersi. La botnet conterrebbe almeno 20mila Pc.ESET ha individuato nuovi attacchi associati al trojanSathurbot, che per diffondersi sfruttano un gran numero di siti compromessi, la maggior parte dei quali gestiti con WordPress, trasformandoli in veri centri di distribuzione del trojan.

Secondo ESET, la backdoor è attiva da giugno 2016, e utilizza collegamenti a file Torrent, che consentono apparentemente il download di film molto popolari. Le vittime cadono nel raggiro con estrema facilità, soprattutto grazie al fatto che molti dei siti compromessi hanno un buon ranking sui motori di ricerca e quindi appaiono nei primi posti delle ricerche online.

L'utente, ignaro del pericolo, scarica il file con un'estensione video, insieme ad un eseguibile e un file di testo di accompagnamento, che spiega come sia necessario installare un codec (l'eseguibile allegato) per poter guardare il f…

7 soluzioni alla crisi idrica che non credevate possibili

La scarsità d'acqua, la sua mancata potabilizzazione e l'assenza di servizi igienici adeguati causano ogni anno più vittime di tutte le guerre. Ogni 20 secondi, in media, muore un bambino a causa di malattie dovute a questi problemi.

Entro il 2025, la sola agricoltura richiederà l'equivalente d'acqua di 20 fiumi della portata del Nilo. E nei paesi con popolazione molto numerosa, come India e Cina, le forniture d'acqua dolce finiranno anche prima.


Nei paesi in via di sviluppo, il 90 % delle acque di scarico vengono riversate direttamente nei fiumisenza alcun trattamento. E pensate che 1 litro di acqua di scarico inquina circa 8 litri di acqua dolce.

Se a tutto questo aggiungete i cambiamenti climatici in atto, l'aumento della popolazione del pianeta, e il fatto che 2 miliardidi persone già vivono in assoluta scarsità d'acqua, è evidente che le nostre riserve si esauriranno in fretta.

Le tecnologie qui sotto potrebbero aiutare a salvarci. Alcune sanno di fanta…

METROFOOD-RI: il network europeo per la sicurezza alimentare

All'ENEA, il 30 marzo scorso, è stato presentato un network di 15 Paesi, per controlli, tracciabilità e qualità nel campo della sicurezza alimentare. Si chiama METROFOOD-RI la nuova infrastruttura di ricerca europea a guida italiana. Vede la partecipazione delle maggiori istituzioni di 15 Paesi impegnate nel campo della sicurezza alimentare, qualità, tracciabilità dei cibi e contrasto alle sofisticazioni e alle contraffazioni. Tra gli oltre 30 partner internazionali, c'è anche la FAO.

METROFOOD-RI sarà coordinato dall'ENEA: avrà il suo quartier generale nel Centro Ricerche Casaccia e si propone di sostenere la ricerca scientifica, l'innovazione di prodotto e di processo, e rendere sempre più efficaci i controlli in campo alimentare. A beneficiarne saranno i consumatori, le imprese e tutte le istituzioni impegnate a garantire la sicurezza alimentare e a combattere le contraffazioni.

Ciro e Antonio: dinosauri italiani

Ciro e Antonio sonofossili di dinosauro famosi nel mondo, ma praticamente sconosciuti nel nostro Paese. Ve li voglio presentare.
Ciro è stato il primo dinosauro in assoluto ad essere scoperto in Italia, a Pietraroja (Benevento) nel 1980. Lo scopritore, Giovanni Todesco, era un appassionato di fossili che scambiò il piccolo dinosauro per una semplice lucertola e per questo motivo conservò l'esemplare in casa sua per anni. Nel 1993, dopo aver visto il film "Jurassic Park", decise di mostrare il fossile al paleontologo Giorgio Teruzzi, che lo riconobbe per quello che era: un piccolo di dinosauro.


(la foto è di proprietà di Scienza in Rete)
Nel 1998 venne riconosciuto come uno dei fossili più importanti nella storia della paleontologia. Il fossile, infatti, è fra i più completi che esistano ed è il primo a presentare organi interni e tessuti molli in uno straordinario stato di conservazione.